copertina nuovissima facebook.jpg
  • Mondo Calcistico

É obbligatorio giocare sempre la palla?

Molto spesso vediamo un'estremizzazione del concetto "giocare la palla". Chi riesce ad uscire da situazioni scomode, palla al piede, dimostra di avere non solo una grande proprietà tecnica, non solo una grande proprietà tattica, ma anche tanta, tanta personalità. A volte, però, ci troviamo ad assistere a delle estremizzazioni del concetto, soprattutto in situazioni in cui la squadra non è al meglio a livello mentale. Può essere a causa degli avversari che hanno trovato le giuste alternative, può essere a causa di un calo mentale della squadra. Ci sono tanti fattori da considerare. Eppure, a volte, un bel calcione in avanti, per respirare, non può che far bene. É vero, è difficile vedere calciatori come Xavi, Pirlo, Iniesta ed altri fenomeni calciare il pallone in avanti senza una meta. Ma proprio per questi tre sono dei fenomeni, non vanno imitati in tutto e per tutto.

Nella partita "Italia - Olanda" valida per la Uefa Nations League, abbiamo assistito ad un calciatore olandese che, in una situazione particolare, ha deciso di calciare la palla fuori per allontanare il pericolo. Il calciatore in questione è van de Beek. Sì, un olandese nella Nazionale olandese che lancia via la palla perché non si sente al sicuro. Se lo fanno calciatori di quel livello, in una Nazionale che ha delle caratteristiche particolari per quanto riguarda la tattica, perché non può farlo un club con calciatori meno predisposti nel giocare sempre palla a terra?