copertina nuovissima facebook.jpg
  • Mondo Calcistico

Il Mercato che farei: Fiorentina - Mezzala


Ho deciso di trovare la mezzala perfetta per la Fiorentina di Vincenzo Italiano.


Una bocciatura per qualche centrocampista? Il mio pensiero riguarda il fatto che in quel ruolo si possa migliorare la qualità e il valore con un calciatore che andrò a presentare a breve.


Quali criteri ho utilizzato per scegliere la mezzala ideale per la Fiorentina di Vincenzo Italiano?

Ho voluto prendere in considerazione il fatto che questo centrocampista debba essere completo sotto più punti di vista: bravura nel palleggio, buona fase offensiva, buona fase difensiva, bravura nella pressione e nel gioco corale del pressing.

Più nello specifico, per quanto riguarda la fase offensiva, ho voluto cercare un centrocampista che sapesse smarcarsi e inserirsi in area di rigore. A ciò aggiungo anche il fatto che il calciatore deve essere dotato di una buona fisicità e di un buon atletismo per tutte le fasi di gioco. Se è giovane ma con esperienza e ha margini di miglioramento ancora meglio.


Adesso andrò a chiarire cosa Italiano richiede alla propria mezzala (sinistra più nello specifico).

SMARCAMENTI E INSERIMENTI

Avete presente il gol di Maleh contro il Bologna?


L'azione si è sviluppata al punto che Nicolas Gonzalez ha potuto guardare in area di rigore, palla al piede, potendo disporre di tempo e spazio.

Nel frattempo Maleh era entrato in area di rigore.

Solitamente questo tipo di inserimenti vengono effettuati partendo da dietro. La situazione, però, vedeva Gonzalez che poteva crossare al centro senza problemi e la difesa che era praticamente obbligata a dover tornare indietro per proteggere l'area.


Da lì basta un problema di intesa da parte dei difendenti del Bologna e:

Maleh può segnare di testa da distanza ravvicinata.

Questione che può essere rivista anche, per esempio, con Duncan:

In questo caso l'azione è diversa. La palla è sull'esterno ma Odriozola non ha la possibilità di crossare al centro e a difesa avversaria non è nemmeno schiacciata verso la propria porta.

Il centrocampista della Fiorentina, però, si preoccupa comunque di diventare una sorta di attaccante aggiunto non dovendo comunque stare all'aspetto del palleggio della squadra essendo troppo lontano dal pallone.


Smarcarsi e andare in avanti. Questo non succede solo quando c'è da entrare in area di rigore:

Lancio lungo per Vlahovic con Duncan (e anche Bonaventura) che vanno in avanti per ricevere una eventuale spizzata di testa dell'attaccante.

Lancio dalla difesa e attacco della profondità? Stessa cosa: smarcamento con i tempi giusti negli spazi giusti:

In questo caso vediamo Biraghi che lancia per la corsa di Duncan che si smarca dal marcamento dell'avversario e può attaccare la profondità.


SOSTEGNO

Tutto questo, però, non deve far intendere che alla Fiorentina serva un centrocampista che sappia solo correre in avanti senza palla. A Duncan, Maleh e Bonaventura (gli esempi trovati in queste immagini) vengono assegnati tanti compiti.


La Fiorentina ha a disposizione, sulla fascia, dei calciatori che sanno essere offensivi. Ci sono gli attaccanti (Sottil, Saponara, Gonzalez, Callejon) e ci sono i difensori (Biraghi e Odriozola). Se questi esterni (che siano difensori o attaccanti) salgono in avanti ci devono comunque essere delle coperture e ci deve essere il sostegno per dare la possibilità a chi è davanti di poter passare il pallone a chi è dietro.


Ad esempio:

In questo caso vediamo Sottil che rimane alto mentre Biraghi effettua una sovrapposizione. Duncan non sale in avanti ma rimane dietro.


La mezzala da trovare, quindi, deve anche avere buone qualità nel palleggio, sia negli smarcamenti, sia nella visione di gioco e, ovviamente, nella qualità dei passaggi.

Il nome? Giulio Maggiore.

Classe 1998, scadenza di contratto 2023, 184 centimetri di altezza (dal sito dello Spezia).


Il capitano dello Spezia è stato allenato fino allo scorso anno da Vincenzo Italiano che lo ha lanciato nella Serie A.

Maggiore può, quindi, ricoprire questi compiti?


SMARCAMENTI ED INSERIMENTI

Inserimenti in area di rigore:

Palla sulla fascia e Maggiore che entra in area di rigore che poteva già contare su due attaccanti (più Kovalenko appena arrivato).

Il capitano dello Spezia ci arriva in corsa ed evita il contatto con i difensori.


Stessa cosa se la situazione è diversa ma richiede un inserimento da dietro e non al centro dell'area:

In questo caso palla a Manaj (attaccante) con Maggiore che corre in area di rigore in attesa di un passaggio.

Ricordi di Duncan che corre alle spalle di Vlahovic?

Questo può essere riproposto con il centrocampista dello Spezia anche se l'interprete offensivo è diverso (e di conseguenza il passaggio):

Filtrante di Sala per Gyasi che può ricevere il pallone tra le linee. Nel frattempo Maggiore inizia la sua corsa per correre in avanti.


PALLEGGIO E SOSTEGNO

Nonostante le sue indubbie qualità sugli smarcamenti e sugli inserimenti, il capitano dello Spezia non è assolutamente un calciatore che sa solo correre senza palla. Con Thiago Motta ha giocato in più ruoli (anche centrocampista centrale) a causa dei vari problemi per gli indisponibili e ha sicuramente cercato di migliorare per diventare sempre più completo e migliore.


Un esempio particolare:

Sei calciatori dello Spezia in zona offensiva con Maggiore che rimane più indietro e defilato per poter favorire il palleggio della squadra.

Tutto questo anche quando deve diventare una sorta di regista aggiunto:

In questo caso Maggiore parte dalla sua posizione di mezzala e si accentra per favorire il palleggio e dare una soluzione al portatore di palla, Kovalenko.


Come scritto prima, il capitano dello Spezia ha il contratto in scadenza nel 2023 ma la situazione legata al mercato (bloccato) dei bianconeri impone il dover fare delle scelte oculate in ogni situazione.

Allo stesso tempo bisognerà convincere il calciatore che gioca nel club da anni e anni senza andare mai via (nemmeno in prestito).


Non si tratta semplicemente di soldi ma di un vero e proprio progetto che possa convincere il calciatore a dire "posso crescere e togliermi tante soddisfazioni".