copertina nuovissima facebook.jpg
  • Mondo Calcistico

A Orsolini manca il centesimo per fare l'euro


Orsolini, dal dopo lockdown, non è riuscito a ripetersi nelle prestazioni. Tuttavia sarebbe meglio lasciare senza pressioni un ragazzo di 23 anni che ha bisogno della fiducia totale dell'ambiente. Ad ora può contare sicuramente sulla fiducia e sulla psicologia di Mihajlovic, un allenatore che non ha problemi nel dire le cose che pensa.

In questa stagione, infatti, Mihajlovic si è espresso così su Orsolini: "Io con Orsolini ci ho già parlato in privato, se non si sveglia finisce in tribuna"


Ogni allenatore ha il proprio pensiero e decide cosa fare con i propri calciatori. C'è chi preferisce il silenzio, c'è chi preferisce caricarli in modo diverso, c'è chi vuole usare parole dolci. L'approccio di Mihajlovic è decisamente diverso e tende a far capire, senza mezzi termini, che lui vuole impegno e sacrificio.

Anche le parole di Orsolini non sono tardate ad arrivare: "Ci rimasi maluccio: perché lo disse prima a voi che a me. Sinisa è Sinisa. Anzi, spesso mi ha detto anche robe che non si possono dire. Ma in quel frangente mi irritò un po’. Non andavo bene e lo sapevo, cercavo le mie cose ma non le trovavo pur spendendomi. Andava così. Se gliel’ho detto? Sì certo: e ci siamo chiariti e abbracciati. Zero strascichi, mai"


Anche Orsolini non si è di certo nascosto, dicendo ciò che pensa. Tuttavia Orsolini ha anche parlato di sé stesso dopo il periodo del lockdown: "Mi ero fatto cento domande e forse anche mille paranoie. Cercavo scusanti o giustificazioni: fisicamente non ero né grasso né non a posto; era la testa. Mentalmente mi ero anche costruito l’idea che non si potesse ricominciare a giocare, e questo forse mi ha scaricato. In breve: il cervello non era connesso al corpo."


Andiamo, quindi, a vedere un'azione che fa capire come a Orsolini manchi il centesimo per fare l'euro:

In questa occasione Orsolini riceve palla e punta sia Insigne che Hysaj. Il primo viene superato mentre il secondo cade a terra dopo le finte dell'esterno del Bologna.

Orsolini è pronto, quindi, a puntare la porta e, in particolare, Koulibaly:

Forbice di Orsolini che, però, non riesce a controllare il pallone "dimenticandoselo" indietro. Koulibaly recupera palla.


É proprio questo ciò che manca ad Orsolini?


Però bisognerebbe anche andarci piano con le critiche ad Orsolini. Tralasciando il fatto che è comunque un 1997, parliamo di un calciatore che, da esterno di centrocampo, nella scorsa stagione ha realizzato 8 gol e 8 assist in Serie A. Nella stagione precedente, invece, 8 gol e 4 assist. Parliamo comunque di buoni numeri.


Ciò che Orsolini dovrebbe migliorare riguarda l'efficacia dei dribbling. Orsolini è stato l'unico calciatore della top 10 (della stagione 2019-2020) del numero dei dribbling totali (riusciti e sbagliati) a sbagliare più dribbling di quelli riusciti: 53 riusciti e 65 sbagliati.

Solo Boga ha sbagliato più dribbling di lui (78) ma bisogna anche considerare il fatto che Boga ha provato 92 dribbling in più di Orsolini.